Home / Articoli sponsorizzati / Siamo alla frutta

Siamo alla frutta

«Siamo alla frutta» è un modo di dire usato con un’accezione negativa, ma Alessandro ne ha fatto un esempio di positività usandolo come nome per il sua locale a Milano, in viale Cassala. Difficile darne una definizione precisa perché è tante cose insieme: bar, caffè, bio bistrot. L’unica cosa sicura è che la frutta di qualità la fa da padrona. E’ frutta, ma anche verdura, che il titolare Alessandro Bassi chiama a chilometri 20 perché proveniente da San Colombano, e prodotta dalla sua famiglia.
Infatti Alessandro può contare sull’aiuto del padre Mario, una vita passata come fruttivendolo in Darsena, e che ora rifornisce il bio bistrot con la frutta del frutteto di famiglia a San Colombano. Entrare da «Siamo alla frutta» significa essere accolti da colori e profumi frutta e verdura di stagione che è la base di estratti, frullati e altri prodotti bio e originali, come il pane in cassetta con le verdure che da un impasto misto con verdure come pomodoro o spinaci permette di avere fette «bicolore» e con vitamine, belli anche alla vista oltre che buoni ed il caffè selezionato, da bere senza zucchero e assaggiandone tre cucchiaini prima di berlo alla tazzina. Ma ci sono anche insalate arricchite con vari alimenti, piatti con salmone e insalate di farro o cereali preparati in vari modi. Entrare nel bio bistrot di Alessandro Bassi è un po’ come entrare in un magazzino di campagna, dove si conservano frutta e verdura, ma anche conserve fate in casa. Il locale tinteggiato in verde salvia è arredato con pancali e cassette di legno, con «indicazioni» sui migliori frutti o verdure per ogni stagione e le qualità nutritive per il mangiare sano. Accanto al bancone lo spazio per la preparazione di drink vitaminici e colorati, mentre qua e la fiori di campo e composizioni di frutta arricchiscono l’ambiente.

Siamo alla frutta
Viale Cassala 45, Milano
www.siamoallafruttamilano.it

About admin

Check Also

La Boutique della birra, non solo birra

Un centinaio di birre da quelle europee a quelle d’oltreoceano e menù diversi per ogni …

Lascia un commento