Cronaca

Ferrero contro Delhaize: sull’olio di palma la Corte europea dà ragione al gruppo di Alba

Sull’olio di palma nella Nutella Ferrero vince la battaglia legale contro Delhaize, società di distribuzione belga che aveva lanciato la campagna pubblicitaria sulla sua cioccolata spalmabile certificata «senza olio di palma». Ferrero accusava la campagna della società belga di essere “menzognera, ingannevole, e denigratoria” verso Nutella e La Corte d’appello di Bruxelles ha dato ragione al gruppo di Alba, stravolgendo la sentenza di primo grado, ed ha ordinato al gruppo Delhaize di cessare la campagna sulla cioccolata spalmabile certificata “senza olio di palma”, fissando un plafond di penalità di un milione di euro.
La nona camera della Corte d’appello di Bruxelles ha ordinato al gruppo Delhaize di interrompere la campagna sul cioccolato “senza olio di palma”, pena la sanzione di 25mila euro a violazione (o qualsiasi diffusione, carta o via web, la sua campagna), con un massimale totale di sanzioni di un milione di euro. La Corte ha invertito la decisione presa dai giudici di primo grado nel 2015, che dava ragione a Delhaize. Secondo Ferrero le dichiarazioni sull’ambiente e sulla salute della campagna di Delhaize avevano l’obiettivo di denigrare la Nutella, che appunto contiene olio di palma, sempre difeso dal gruppo di Alba. Con la sua sentenza la Corte afferma che Delhaize ha reso dichiarazioni comparative illegali perché non verificabili e quindi non obiettive. Secondo i giudici, Delhaize facendo credere che la propria cioccolata spalmabile fosse migliore per la salute poiché priva di olio di palma, ha influito sul comportamento del consumatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.