Cronaca

Gli italiani mangiano meno carne

Gli italiani rimangono mangiatori di carne ma ne riducono i consumi. Secondo i dati dell’Osservatorio nazionale sui consumi delle carni di Agriumbria, fiera chiusasi pochi giorni fa, mangiamo 37 chili a testa di all’anno di carne di maiale; c’è poi la carne bovina (21 chili) e quella avicola (19 chili). «Ad oggi- spiega una nota dell’Osservatorio – le quantità di carne portate in tavola dagli italiani sono scese in media a 85 grammi al giorno. Crollano i wurstel (-16,4%), la carne in scatola -9,9%, e la carne rossa -2,8% oltre che il prosciutto crudo -2,4%. La carne rossa viene in parte sostituita con carni bianche, con le preparazioni fresche di carni di animali da cortile e di coniglio a +3% e quelle dal pollame +1,1%. Il consumo medio annuo in Italia di carne (pollo, suino, bovino, ovino) è invece di 79 chilogrammi pro-capite, il più basso in Europa, i danesi sono a 109,8 chilogrammi, i portoghesi 101 chilogrammi, gli spagnoli 99,5 chilogrammi, i francesi e i tedeschi 85,8 e 86 chilogrammi. Stando al consumo negli altri Paesi, quello degli Stati Uniti è superiore a quello italiano del 60%, in Australia del 54%, in Spagna del 29% e in Francia e Germania del 12%».
Il consumo di carne resta basso ma a febbraio, complice l’inflazione di gennaio, gli italiani sono tornati ad acquistare carne. I dati registrano, infatti, un aumento degli acquisti del 14% di carne bovina, del 10% di salumi e dell’8% di carne di maiale. Se per frutta e verdura gli italiani spendono 98,55 euro al mese per famiglia, quella per la carne è scesa a 97 euro al mese con una incidenza del 22% sul totale. Comunque, il 2016 ha visto ancora una flessione, -5%, dei consumi domestici di carni bovine dopo che anche il 2015 si era chiuso con un -6%. I consumatori di carne sono calati del 7% e in calo, -9%, sono anche anche per la carne fresca di maiale e di pollo, -1% scesa ai minimi dell’inizio del secolo. Nell’ultimo anno sono stati oltre 16 milioni gli italiani ad aver ridotto il consumo di carne rispetto all’anno precedente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.