Cronaca

Olio d’oliva, un anno nero

«Crollo del 38% della produzione di olio di oliva in Italia che scende ad appena 298 milioni di chili, un valore vicino ai minimi storici di sempre, con effetti inevitabili sui prezzi». L’allarme è stato lanciato da Coldiretti in base ai dati Ismea/Unaprol. Lo studio Ismea/Unaprol pone l’Italia come secondo produttore mondiale nel 2016/17 con la Puglia come principale regione di produzione nonostante il calo, seconda la Calabria (dove il calo è inferiore alla media nazionale), seguita dalla Sicilia. Complessivamente nel Mezzogiorno si stima un calo produttivo del 39%, al nord del 10, al centro del 29%, con la Toscana in linea con questa riduzione. Ora, con la riduzione della produzione il rischio è che aumentino le frodi alimentari.
La soluzione è quindi la maggiore trasparenza possibile sulla filiera produttiva, informazione al consumatore, tracciabilità. A tutela della qualità dell’olio il ministero delle Politiche agricole ha posto regole più stringenti sull’etichetta che deve indicare anche la data di raccolta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.