Cronaca

A Londra il ristorante con piatti fatti con la stampante 3D

Nasce a Londra Food Ink, il primo ristorante «pop up» in cui tutto è fatto con stampanti 3D: tavoli, sedie, posate, cibo compreso.
Alla base di questa particolare cucina ci sono sia ingredienti tradizionali sia prodotti della gastronomia molecolare. Il 25, 26 e 27 luglio a Londra nel pop up restaurant londinese sono stati serviti cibi fatti con una stampante 3D. Il menù di nove portate, al prezzo speciale di 250 sterline, è stato realizzato sotto gli occhi dei clienti con una stampante caricata, invece che con la resina, con ingredienti “freschi”. La stampante è realizzata dalla compagnia byFlow, inventrice della prima stampante 3D portatile multimateriale. Il menù è invece stato elaborato dagli chef Joel Castanye e Mateu Blanche, provenienti dai ristoranti stellati La Boscana a Barcellona e elBulli a Londra. L’idea dell’azienda è di espandere i propri pop up restaurant da Londra in altre città: Berlino, Dubai, Seoul, New York. In Italia le prime tappe saranno a Roma e Torino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.